Ci racconti una storia?

Elio Giacone racconta il potere delle piccole storie per ogni momento della giornata, fino a quelle del momento della buonanotte, poco prima che le voci di mamma e papà si mescolino ai sogni...

 

- Un raggio di sole e un soffio di vento hanno svegliato lo scoiattolino Scric, che si è messo a saltellare da un ramo all’altro. Attento Scric, quel rametto è troppo piccolo! Oh no, il rametto si è rotto e lo scoiattolino è caduto… sulla pancia di Federico!

La voce del papà ha svegliato Federico, che ha tenuto gli occhi chiusi per far durare più a lungo la storia. Quando la mano del papà è scesa sulla pancia del bimbo, come uno scoiattolino caduto da un ramo, Federico ha aperto gli occhi sorridendo: è iniziato un nuovo giorno.

Nel lettino accanto a lui Rebecca sta ancora facendo finta di dormire. Ora il papà inventerà un’altra piccola storia tutta per lei.

 

È ora di pranzo. Federico e Rebecca stanno guardando la mamma che si avvicina con due piatti in mano.

- Nel paese di Verdurina le carote hanno deciso che saranno loro a scegliere chi potrà mangiarle e chi no. Il Re degli spinaci ha protestato, gridando forte, ma non c’è stato niente da fare. Oggi le carote indicheranno i bambini che le mangeranno.

Così dicendo la mamma posa i due piatti davanti ai bimbi. In ogni piatto i pezzetti di carota formano una freccia. La punta di una delle due frecce è voltata verso Rebecca e la punta dell’altra indica invece Federico.

- Ecco i due bambini che mangeranno le carote! – esclama la mamma.

- No, mamma. – la interrompe Rebecca che, piano piano, ha girato il suo piatto in modo che la freccia di carote indicasse il fratellino – Ecco il bambino scelto dalle carote!

- Chi, quel bimbo con una coccinella sul naso?

Mentre Rebecca guarda il fratello cercando la coccinella, la mamma gira un poco il piatto.

- Quale coccinella? – chiede Rebecca.

- Forse ho visto male – le risponde la mamma - ma hai visto male anche tu. Guarda, la freccia di carote ti sta indicando!

I due bimbi si mettono a ridere e incominciano a mangiare.

 

Le piccole storie della mamma e del papà rendono più allegre le ore che passano. C’è la storia del leprotto che non esce mai dalla sua tana senza la sciarpa e il berretto, quella della farfalla che tiene in ordine i suoi colori in modo che siano pronti quando deve dipingersi le ali, quella dei cagnolini che fanno il bagno quando è ora e il sole li premia facendo nascere un arcobaleno dalle goccioline d’acqua che loro spruzzano nell’aria e quella… della buona notte.

È alla sera, quando i due bambini sono a letto, che la mamma e il papà inventano le storie più lunghe e più belle.

Quando si saranno addormentati, tutto quello che il papà e la mamma hanno raccontato durante il giorno si mescolerà con la fantasia dei due bambini e nuove meravigliose storie riempiranno i sogni di Rebecca e di Federico, due bimbi che non si stancano mai di chiedere: - Ci racconti una storia?

Disegni da colorare: 
Ci racconti una storia?
Ci racconti una storia?
Ci racconti una storia?
Ci racconti una storia?