Vuoi saperne di più su questo flauto?

Il flauto pubblicato su La Giostra è detto Gaban, viene dal museo di Firenze; è datato al Neolitico antico (V millennio a.C.) e proviene da una grotta situata in Trentino che si chiama Riparo Gaban. E' stato ricavato da un femore umano, lavorato e decorato con incisioni. Nella parte superiore è stato inciso un volto (si riconoscono occhi, naso e bocca) mentre il resto del manufatto presenta incisioni geometriche molto accurate lungo tutta la superficie. La lunghezza è di 30 cm. Puoi vistare il sito del museo fiorentino di preistoria cliccando qui!

La musica è nata, originariamente, con l’uomo, quindi fin dai tempi più antichi. Inizialmente aveva lo scopo di imitare suoni e rumori (ad esempio i rumori dell' acqua, del vento, e che i suoni e i rumori naturali che manifestavano per l' uomo primitivo la presenza degli spiriti). La musica nacque anche per scopi sociali. I primi strumenti musicali risalgono a 40.000 anni; viveva l’Homo Sapiens Sapiens, ed era nel Paleolitico superiore. Pietre, semi, legni, conchiglie, ossa, corni impiegati come percussioni, fischietti, flauti, trombe, ance, archi, rombi, strumenti che producono suoni archetipi, la base del linguaggio sonoro e musicale universale. Sonorità con frequenze e pulsioni ritmiche fortemente psico-acustiche e psichedeliche (che attivano la psiche) impiegate nello sciamanesimo e nei culti misterici dell’antichità.
Un altro flauto preistorico, costruito in osso, è stato ritrovato in Germania nel 2009;
si può vedere in http://www.videoscienza.it/Objects/pagina.asp?ID=968