Lo sviluppo emotivo e il riconoscimento delle emozioni

Il processo di riconoscimento delle emozioni è estremamente importante e profondo e non riguarda puramente un semplice apprendimento cognitivo.

Come fa un bambino a capire le proprie emozioni - paura, tristezza, rabbia, gelosia, tenerezza, curiosità, sorpresa, gioia, noia?
Può farne esperienza diretta, ma, affinché questa sia da lui riconosciuta come vera, il bambino ha la necessità di sapere che anche il genitore la sente e quindi la comprende e la condivide. Anche attraverso la lettura e l’immedesimazione nei personaggi il bambino individua le emozioni.

Mentre l’adulto legge e il bambino ascolta, l’attenzione condivisa sulla storia implica un coinvolgimento all’unisono che consente un riconoscimento a partire dal fatto che i due “vivono” insieme quella emozione.
Il bambino capisce che quel sentire riguarda anche altre persone. Sono sentimenti sensati, che si possono comunicare, condividere, riconoscere e rispettare. È utile far capire al bambino che le emozioni non vanno combattute
o svalutate, ma vissute perché appartengono a tutti gli uomini.