Tutti nel lettone

È domenica e Rosa può giocare nel lettone con mamma e papà; quanti salti e giochi! È proprio bello ascoltare la storia della mamma, mentre papà prepara colazione. Una storia di Janna Carioli per considerare il lettone da un altro punto di vista.

 

La domenica mattina, non appena si sveglia, Rosa corre nella camera di mamma e papà. Gli altri giorni della settimana, anche se si sveglia presto, sa che deve rimanere tranquilla nel suo lettino. Solo la domenica mattina ha il permesso di andare nel lettone, perché quello non è un giorno come gli altri: lei non va all’asilo, papà Eduardo non va lavorare e mamma Elena non deve andare in ufficio. E quando sono tutti svegli  possono giocare assieme. Eh sì, perché non tutti sanno che il loro è un lettone magico.

E’ una grande zattera in mezzo al mare e, a un certo punto, arriva sempre la tempesta!  Il piumino si alza e si abbassa, poi si alza e si abbassa ancora, le onde diventano altissime e mentre lei viene sballottata, la mamma grida:

-         Nuota, Rosetta, nuota! C’è un pesce grosso grosso che arriva! 

Rosa ride forte e nuota sulle coperte perché sa che dietro di lei c’è  il pesce-papà che la vuole acchiappare.

                                      Nuota nuota pesciolino,

                                      che ti mordo il sederino!

Delle volte vince lei e si rifugia fra le braccia della mamma, ma altre volte vince il pesce-papà che l’acchiappa per un piede e le morde il pigiamino. 

Aaaammm!

Ma non la mangia mica per davvero! E’ solo per finta.

Un altro gioco bello da lettone, è fare l’aeroplano. Mamma Elena è una specialista:    piega le gambe, poi alza i piedi verso l’alto, facendole appoggiare la pancia e   tenendola per le mani. Il trucco, per diventare un aeroplano, Rosa lo conosce benissimo: bisogna tenere le gambe dritte e le braccia aperte.

Vola vola mio aeroplano,

che ti tengo per la mano!

-         Volooooo! – grida Rosa aviatrice.

Una volta scesi dall’aeroplano, si può  anche andare a cavallo. Basta sedersi sulle ginocchia piegate del papà che, da sotto il piumino morbido, comincia prima a fare il cavallo che cammina, poi che trotta, poi che galoppa sempre più forte.

                                      Trotta trotta cavaliere,

                                      finché caschi giù a sedere!

Già, perché la parte più divertente del gioco è proprio questa:  tenersi in equilibrio e aspettare  che papà, all’improvviso, stenda le gambe e la faccia ruzzolare sulle coperte senza farsi male.

Ma il momento più bello della domenica mattina è quando, dopo aver fatto le capriole e i salti,  la mamma prende un libro e comincia a leggerle una storia.

Allora, il mare in tempesta del lettone si calma e Rosa, al caldo sotto il piumino, guarda le figure e ascolta la voce di mamma Elena che racconta, fino a quando papà Eduardo mette la testa dentro la camera da letto e dice:

-         Venite a fare colazione, pigrone!  

Sì, è proprio bella la domenica mattina!  

Colora il disegno!

 

Disegni da colorare: 
Tutti nel lettone
Tutti nel lettone
Tutti nel lettone
Tutti nel lettone