Vuoi giocare con i fischietti?

Suonano l’acqua e i noccioli delle albicocche, waw!

Per costruire un fischietto ad acqua sono necessari pochi utensili e una bottiglia in plastica, una spatola in legno per il caffè, una cannuccia, nastro adesivo, un pezzo di tubo in plastica. Per scoprire come,si fa vedete il video.

Anche da un nocciolo di albicocca si può ricavare un fischietto autentico? Prima dell'avvento della plastica, i fischietti si ricavavano dai semi. Se ne trovavano in abbondanza, quindi, e diversi l'uno dall'altro, a seconda delle stagioni. In estate, per esempio, una bella scorpacciata di prugne o albicocche assicurava una certa quantità di semi. Strofinandoli vigorosamente su un sasso ruvido o con della carta vetrata si ottenevano due risultati: un forellino a un'estremità e la superficie liscia ai bordi. A questo punto, non rimaneva che svuotarne l'interno e soffiare: il fischietto era bello e pronto.
Anche noi, comunque, possiamo fabbricare da soli i nostri fischietti: se scegliamo il seme della prugna ad esempio, otterremo un fischietto dal suono acuto, simile al canto di scriccioli o luì. Con l'albicocca, invece, è pià facile imitare il canto del martin pescatore. Ma attenzione: bisognerà fischiare muovendo il fischietto in su e in giù e usando il labbro inferiore come un tappo.
Anche l'inverno ha i suoi fischietti: noci, nocciole e mandorle sono un materiale adattissimo. Girando per boschi, fra l'altro, è facile trovare delle nocciole già bucate, rosicchiate dai ghiri, magari, o dagli scoiattoli. Se proprio non ne trovate di forate, non demordete: sarà facile provvedere con un sasso o addirittura con uno schiaccianoci. E a proposito di noci, i più grossi semi nostrani, i fischietti che se ne ricavano producono un suono basso, come la voce del gufo o dell'allocco. Poi ci sono le ghiande. Coprendo i bordi con la mano o con i pollici si lascia solo una fessura attraverso la quale soffiare.
Anche in altre parti del mondo gli uomini amano i fischietti. In Brasile, per esempio, viene utilizzata la noce brasiliana ("Bertholletia excelsa"), o la noce di Pecan ("Carya ovata"). Quest'ultima, tagliata in punta, presenta due buchi che permettono di ottenere delle variazioni sonore lasciandoli aperti o chiudendoli con un dito. Un sistema analogo viene praticato per far suonare la "Lucuma mammosa" in Amazzonia o la noce delle isole Salomone. Tutto il mondo è paese! (il testo è tratto da Airone Junior)
Il fischietto di albicocca era molto diffuso nelle strade e nei vicoli di Napoli nel secondo dopoguerra ed era un gioco che gli scugnizzi della città ricavavano semplicemente dai noccioli che trovavano per strada, in tempi in cui comprarli, i pochi giocattoli che esistevano, era solo per famiglie benestanti.

Clicca qui per scoprire altre indicazioni per modellare un cuco.