Vita dell'artista: Max ERNST

Max Ernst (1891 - 1976)

È un pittore tedesco, dall'immaginazione molto vivace.
Fin da bambino amava utilizzare la fantasia per creare visioni e mondi immaginari.
Viveva in Germania, dove era nato nel 1891, in una casetta vicino a una foresta; forse proprio in quel luogo cominciò a farsi stupire dall'incanto e dalla paura che fa nascere la foresta in chi la guarda.
Ebbe una vita molto varia: conobbe tantissimi artisti con cui si confrontò sulle varie forme dell'arte; partecipò alla Prima guerra mondiale; fu fatto prigioniero durante la Seconda e, forse dopo questa esperienza così difficile, cominciò a vivere in un mondo tutto suo, pieno di ombre e di pericoli e di personaggi immaginari.
Era un artista provocatore, che seppe confrontarsi con tante forme d'arte e non ebbe mai paura di spingersi a realizzare opere d'arte strane, anche scandalose.
Morì nel 1976 a Parigi.

Altre opere significative dell'artista:
Piccola macchina costruita da minimax dadamax in persona, 1919-20.
Mare, sole, terremoto, 1931.
Il postino Cheval, 1932.
Giardino acchiappa-aeroplani, 1935-36.
La città intera, 1936-37.
L'antipapa, 1941 circa.
La vestizione della sposa, 1941.
Giovane donna a forma di fiore, 1944 (fusione del 1957).
Per le strade di Atene, 1960 (fusione del gennaio 1961).
Immortel, 1966.