Come si sviluppa il linguaggio?

Cari genitori, insegnanti, educatori,

La Giostra torna ad offrirvi qualche spunto o proposta per arricchire di senso e di valore la relazione quotidiana con i piccoli. Oggi parliamo di…

Come si sviluppa Il linguaggio

La rubrica di Giò sulla rivista accompagna i bambini nella competenza linguistica; attraverso azioni e scene si apprendono parole. Nello sviluppo delle prime parole il bambino crea un nesso fra significato e parola, si crea quindi un dislocamento del significato dall’oggetto secondo un parametro comune alla cultura di appartenenza. Perciò linguaggio e gioco simbolico si presentano legati fra loro, nella vita del bambino. Nell’apprendimento del linguaggio c’è socializzazione, cultura e possibilità di ricordare con un simbolo gli oggetti. La stessa cosa avviene nel gioco simbolico.

Dopo la prima fase di gesti imitativi di situazioni quotidiane, il bambino attua forme di ricordo ma soprattutto di decentramento. Diventa per un lasso di tempo l’altro e poi ritorna se stesso. Il piccolo non imita solamente ma diventa l’altro. Quando il gioco avviene in gruppo, i gesti devono diventare un linguaggio condiviso, sociale; il linguaggio si porta dentro i modelli, e anche gli stereotipi, e le regole culturali di un gruppo sociale.

Il gioco simbolico, come il linguaggio, nasce dal bisogno di ricordare l’assenza di qualcosa o di qualcuno. Costituiscono, quindi, la possibilità di costruire simbologie per rappresentare qualcosa che è dentro di noi.

Nel linguaggio si evidenzia un’azione assimilatrice, poiché il bambino deve apprendere il codice linguistico della propria cultura, mentre nel gioco vi è una maggiore forza di accomodamento con cui il piccolo rielabora con modalità proprie le nuove conoscenze sul mondo. Ritiene, quindi, che nel gioco il bambino sia più autonomo e reativo |Maria Antonietta Simeoli|

AllegatoDimensione
disegno_come_sviluppa_linguaggio.jpg247.29 KB