Troppo presto per la scuola materna?

«Sono la nonna di due gemelline che compiranno tre anni a dicembre. Sono nate premature e quindi finora tutta la famiglia è stata in ansia per la loro salute. Adesso sono vivacissime, sempre impegnate in qualche gioco. Mia figlia non vuole mandarle alla scuola materna, per il timore che si ammalino. Dopo aver fatto l’iscrizione ci  ha ripensato; vederle così piccole fisicamente le mette molta ansia. Ci si ammala tanto alla scuola materna? Le mie nipoti potrebbero inserirsi bene, malgrado siano un po’ più piccole della media dei bimbi della loro età?»

Nonna Giovanna, Rapallo (Ge)

A questa lettera risponde Maria Antonietta Simeoli, maestra di grande esperienza nella Scuola dell’Infanzia e tutor presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Torino.

Manda anche tu le tue domande di genitore a posta@lagiostra.biz

Il primo ingresso in una comunità comporta dei processi di adattamento, a qualsiasi età, ma i bambini presto diventano più forti e l’incontro con i coetanei è fonte di gioia e di arricchimento. Se le bambine stanno bene, seppure un po’ piccoline, supereranno senza problemi le malattie tipiche dell’ingresso in una comunità. In genere i bambini accusano, di norma, disturbi legati alla convivenza con altri piccoli e alla nuova organizzazione della giornata: si esce prima da casa al mattino, si sta più tempo all’aperto, si vive un’alternanza diversa fra attività, gioco e sonno… Bisogna considerare che per i bambini ogni singolo giorno e mese di crescita conta moltissimo sotto ogni punto di vista: fisico, psicologico, relazionale. Già dopo qualche settimana alla scuola dell’infanzia anche nei bambini più piccoli si riscontrano progressi incredibili, soprattutto nell’autonomia. Ne vale la pena!

La mamma dovrebbe sentirsi rassicurata dalla presenza di voi nonni come aiuto, nel caso si presentasse un’influenza…

La scuola materna permette molte esperienze ed attività adatte alla loro età e ai loro interessi. Nel pomeriggio c’è poi sempre il tempo per stare con i genitori e i nonni, per una passeggiata o un gioco. Buona fortuna.