AUTORITRATTO

 

Questa è l’opera Autoritratto allo specchio convesso, di Parmigianino. È del 1524 ca. Oggi si trova a Vienna, al Kunsthistorisches Museum. Sai, quest’opera misura solo 24,4 cm di diametro, come la spanna della mamma.  

Francesco Mazzola era un bellissimo giovane artista pieno di talento di Parma, chiamato Parmigianino per la sua corporatura minuta e per i suoi lineamenti delicati.

L'autoritratto fu una sfida con se stesso per mostrare il suo straordinario talento: il viso e la mano infatti si riflettono su uno specchio convesso, che altera le proporzioni dilatando le forme che si trovano ai lati dello specchio.

Questo esercizio di stile gli fruttò gli incarichi presso la prestigiosa corte di Clemente VII a Roma: una vera

operazione di autopromozione ben riuscita!

 

 

Che cosa vedi?

Un ragazzo si mostra allo specchio nel momento stesso in cui si fa l'autoritratto: la sua mano che dipinge è in primo piano, sembra molto grande...

Che vertigine di punti di vista!!!

 

Gioca con l’arte

Prendi uno specchio e osservati con attenzione: OCCHI-BOCCA-NASO.

Chi più grandi chi più piccoli, chi all'insù chi all'ingiù, chi dritti e chi storti...

Bastano pochi segni sul cartoncino ed ecco fatto L'AUTORITRATTO!

Emanuela Bartolini

Lavora da venti anni presso il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo dì Arte Contemporanea dove insegna a curiosi di tutte le età a esplorare ed amare l'arte. 

Rubrica: