Per una ginnastica dell'anima

Questa rubrica si presenta come un percorso di avvicinamento alla dimensione spirituale del bambino, attraverso la gestualità del corpo.

Educare i bambini a sentire la presenza del Trascendente,  Qualcuno che è Altro e sta in cielo… è anche creare uno spazio corporeo (azione fisica) in cui sentire l’esperienza di Dio, del mistero divino.

Ai bambini serve il tempo di ascoltare il proprio respiro, di fermarsi con consapevolezza sui propri gesti per scoprire che da sempre attraverso quei gesti l’uomo comunica con Dio. Parlare di Dio, raccontare il mio pensiero di Dio, è sentire con tutti i sensi e in molti sensi.

Prima del linguaggio religioso, che il bambino acquisisce più avanti in maniera consapevole, viene il gesto: è questo il percorso dell’evoluzione umana.

 

Abbiamo selezionato dei versetti dei salmi che si presentano come una raccolta di semplici azioni del corpo, attraverso cui entrare in relazione con Dio.

Il gesto è AZIONE VISIBILE che ha intento comunicativo; il gesto è dunque la prima forma di comunicazione del bambino, quando non ha ancora sviluppato il linguaggio. Si prega, all’inizio , con un gesto. Lo vediamo nei bambini della fotografia, chiaramente.

La parola e i gesti sono legati l'un l'altro; il fatto che questo legame duri nel tempo (accompagna tutto lo sviluppo del linguaggio) testimonia lo stretto legame tra questi due sistemi. Al gesto si associa la parola del salmo; nel versetto il gesto prende peso comunicativo e soprattutto si pone in un contesto di relazione con Dio.

Chiediamo al bambino che cosa prova quando il suo corpo assume una posizione del corpo.

«Che cosa succede dentro di te, quando parli? Da dove vengono le parole?»

Ascoltiamo i bambini; ci sorprenderanno.

Poi proponiamo loro di vivere insieme la ginnastica dell’anima. Sentiremo con calma, nel silenzio, che cosa succede dentro di noi; i gesti prenderanno significato. Sarà un bel momento per mettersi in ascolto della propria interiorità, e anche i bambini ne hanno bisogno.

Quando diremo le parole del salmo, avranno un peso diverso; anche i più piccoli saranno riusciti a raggiungere il loro significato.

Su ogni numero de La Giostra la rubrica de IL CORPO PARLA; nuove parole e nuovi gesti, la ginnastica dell’anima.

Anna Peiretti

Caporedattore de La Giostra dal 2004 è autrice di molti libri per bambini.  Impegnata  nella promozione della lettura per i bambini da zero a sei anni e nell'accessibilità ai testi anni per i bambini con disabilità collabora con le biblioteche e le scuole.

Rubrica: